♠
clicca sull'immagine per la dimensione parallela

martedì 13 giugno 2017

L’era del proibizionismo



French Wine Merchants from the Bercy Wine Market Hall
celebrate the end of prohibition in the US, 1933


Con il termine proibizionismo s’indica un periodo tra il 1919 e il 1933 in cui negli Stati Uniti fu proibito produrre, vendere e trasportare alcolici. Il divieto era stato fissato dalla legge nota come Volstead act e dal 18° emendamento della costituzione, che entrò in vigore nel gennaio del 1920.

Il Volstead act aveva l’obiettivo di moralizzare la società statunitense (il proibizionismo è infatti chiamato anche the noble experiment), ma di fatto consentì ai grandi gruppi mafiosi di crescere grazie ai proventi ricavati dal contrabbando di alcol: il proibizionismo fu un’età segnata dai gangster (come Al Capone), dagli scontri tra bande criminali e da squadre di polizia corrotte.

Il Volstead Act fu emendato il 17 febbraio del 1933 da un’altra legge, il Blaine act, che consentiva la vendita di bevande alcoliche leggere come la birra. La legge smise di esistere con la ratifica del 21° emendamento, il 5 dicembre del 1933, che chiuse anche l’epoca del proibizionismo.



Nessun commento:

Posta un commento