♠

mercoledì 10 agosto 2022

Il Muro Del Canto - La Vita è Una

 








Piero di Cosimo [Italian High Renaissance Painter, ca.1462-1521]





Piero di Cosimo - Portrait of Simonetta Vespucci (ca. 1480)
Oil on panel - 57 x 42 cm - Musée Condé, Chantilly
























dall'instagram di Axel Torvenius

 







Andrei Shishkin [Russian painter]











Agostino Arrivabene [Italia, b. 1967] (cup3tint3 follower)






Agostino Arrivabene - La grande voce (2016)







***

 









***









dall'istagram di Morgan Sorensen [Illustrazioni, Boise, Idah]

 








Hans Thoma [German Symbolist Painter, 1839-1924]

 



Hans Thoma - The War (1907)







Statue of the Egyptian goddess Bastet




Statua della dea egizia Bastet (ca.600 a.C.)
Staatliche Museen, Berlin0







Christopher Thompson [English artist, b. 1969]

 



Christopher Thompson - Red Sofa (2016)
Oil on board - 70 x 50 cm








Amédée Marcel-Clément [French, 1873-?]

 




Amédée Marcel-Clément - Canot rejoignant son bord
Oil on canvas - 46 x 55 cm








martedì 9 agosto 2022

Pierre Peyron [French Painter, 1744-1814]





Jean-Francois-Pierre Peyron - Alceste mourante (1785)
Olio su tela - 327 x 325 cm - Museo del Louvre





 

Damien Cadio [France, b. 1975]





 




Georges Achille Fould [Pittrice francese, 1865 - 1951]





Georges Achille-Fould - Madame Satan. Séduction (1904)





Roland Topor [Illustratore, paroliere, drammaturgo, scrittore, sceneggiatore e attore francese, 1938 – 1997]





Roland Topor - untitled illustration for Epikon (1977)







René Jules Lalique [Disegnatore e vetraio francese, 1860-1945]




René Jules Lalique - Serpent Pectoral Pendant (1899)







Antonio Palmerini [Photographer from Rome]

 











Mikołaj Socha [Artist / Painter Lublin, Poland]

 



Mikołaj Socha • dalla serie "Self-portraits diary vol. II"






Charles Bukowski, Henry Charles "Hank" Bukowski Jr., nato Heinrich Karl Bukowski [Poeta e scrittore statunitense, 1920-1994]











 

Giacomo Ginotti [Scultore italiano, 1845-1897]





Giacomo Ginotti - Lucretia











 

Richard Doyle [English, 1824 - 1883]





Richard Doyle - Pursued by Elves




 

David Teniers the Younger [Flemish Baroque Era Painter, 1610-1690]

 



David Teniers the Younger - The Temptation of Saint Anthony (det.)(1650-1690 )
Minneapolis Institute of Art






v3n3zia nascosta: il cuore di Canova





Quando si entra nella splendida basilica dei Frari a Venezia, sulla sinistra, ci si trova davanti ad una piramide….
Cosa ci fa una struttura come questa in una chiesa cristiana?
Si tratta di un monumento funebre, dedicato al grande scultore neoclassico Antonio Canova (1757- 1822).
Fu realizzato dai suoi allievi - seguendo un progetto del maestro per un monumento a Tiziano mai realizzato - per custodire il cuore dello scultore (!!!), mentre il resto delle sue spoglie si trovano nella sua città natale, Possagno.
Per quanto abbia cercato non sono riuscito a trovare i motivi per cui, dopo la sua morte, abbiano espiantato il cuore di Canova; mi domando: solo per metterlo li?





La forma inconsueta di questo monumento è un chiaro messaggio per gli “Iniziati” dal momento che Antonio Canova faceva parte della Massoneria e la piramide è il simbolo del Grande Architetto dell’Universo (la divinità suprema per i Massoni).
Tutte le statue che adornano la piramide sono anch’esse riferimenti alle dottrine massoniche: partendo da sinistra, l’angelo con le ali aperte è colui che custodisce l’anima ormai volata in cielo; il leone alato addormentato tiene un libro chiuso, simbolo della saggezza che l’artista ha portato con sé; la figura velata è la morte mentre il giovane con la torcia accesa simboleggia l’immortalità che avrà Canova; le due donne con le corone di fiori sono la Speranza e la Carità. Tutte le figure hanno un’espressione estremamente afflitta.
Questo monumento per i visitatori comuni è solo una tomba piuttosto curiosa, mentre per gli iniziati alla Massoneria rappresenta un chiaro messaggio sulla saggezza del “fratello” Canova…








da venetoinside

Antonio Canova [Italian, 1757-1822]





Antonio Canova - Cephalus and Procris (1797)









sabato 6 agosto 2022

Alejandro González Iñárritu





Iñárritu durante le riprese di Biutiful


Alejandro González Iñárritu (Città del Messico, 15 agosto 1963) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico messicano, vincitore di cinque Premi Oscar, quattro Golden Globe, tre BAFTA e due David di Donatello. I suoi film da regista comprendono Amores perros, 21 grammi, Babel, Biutiful, Birdman e Revenant - Redivivo.

[+]




da: wikipedia

La Trilogia sulla morte



La Trilogia sulla morte è composta da tre film realizzati tra il 2000 e il 2006 dal regista messicano Alejandro González Iñárritu, e sceneggiati da Guillermo Arriaga:

- Amores perros (2000), con Gael García Bernal

- 21 grammi (2003), con Sean Penn e Benicio del Toro

- Babel (2006), con Brad Pitt e Cate Blanchett

.




Amores perros è del 2000. È il primo capitolo della Trilogia sulla morte. Il film ha ricevuto una candidatura ai Premi Oscar 2001 come miglior film straniero ed è detentore di oltre 50 premi cinematografici.

Il racconto è composto da tre storie ambientate a Città del Messico che, a partire da un incidente automobilistico, si intrecciano e determinano il destino dei suoi personaggi. La doppia natura dell'uomo è presente nella metafora suggerita dalla costante presenza dei cani, alter ego dei personaggi. Lo stesso concetto viene ribadito nel titolo: Perros, che in spagnolo significa cani, è usato come aggettivo all'incirca con il significato di cattivo, dunque "amori cattivi".

Questo film è diventato oggetto di studio sia da un punto di vista tecnico sia storico, in quanto si ritiene che abbia segnato l'inizio del nuovo cinema messicano, inteso come cinema capace di attirare l'attenzione del pubblico fuori dalle sue frontiere.

«A Luciano, perché siamo anche ciò che abbiamo perso.»

(dedica nei titoli di coda)

.




21 grammi (21 Grams) è del 2003.

Il titolo della pellicola si riferisce all'ipotetico peso, calcolato dal dottor Duncan MacDougall in 21 grammi, che chiunque perderebbe esalando l'ultimo respiro in quanto peso dell’anima, spesso associato ad una piuma.

Il film - seconda opera del regista messicano e prima pellicola dello stesso girata negli USA – è un dramma psicologico con una struttura narrativa ed una tecnica di ripresa che ne costituiscono le caratteristiche peculiari: la prima parte del film è costituita da continui flash-forward mentre alcune delle riprese sono eseguite utilizzando cineprese senza cavalletto che tendono a conferire alle immagini un effetto particolare.

«Nella sceneggiatura di Guillermo Arriaga la tematica filosofico-religiosa è assai ambiziosa: una storia di agonia e rinascita imperniata sui rapporti tra destino e libero arbitrio. Provvidenza (cattolica) e caso, presenza e silenzio di Dio.»

su Recensione Corriere della Sera

.




Babel è del 2006. Con questo film si chiude la Trilogia.

Quattro realtà diverse e apparentemente distanti tra loro (una famiglia marocchina, una statunitense, una badante messicana e padre e figlia giapponesi), si troveranno unite nel filo dell'esistenza tracciata da Guillermo Arriaga.

«Scritto - come i precedenti Amores perros e 21 grammi e non dissimile nella costruzione a incastro - dal romanziere Guillermo Arriaga, è un magnifico e dolente affresco in 3 continenti e con 3 atmosfere diverse, splendidamente fotografato da Rodrigo Prieto, sulla solitudine e sui confini - geografici, culturali e psicologici - che la generano; sulla cognizione del dolore; sul destino dell'uomo e sulla difficoltà della comunicazione (cui fa riferimento il titolo biblico); sui sentimenti che possono unire o dividere.»

su cinema-tv.corriere.it, Corriere della Sera



grazie ad Alessandra per avermene parlato 🌹





dalle varie voci su wikipedia

venerdì 5 agosto 2022

ore 12:00 - momento zen

 








PACCHERI DI GRAGNANO CON ASTICE E POMODORINI DEL PIENNOLO









Meody Gardot - Morning Sun

 








Baron Pierre-Narcisse Guérin [French, 1774–1833]





Pierre-Narcisse Guérin - Jeune Fille En Buste (ca. 1794)
Oil on Canvas






 

***











Roland Topor [Illustratore, paroliere, drammaturgo, scrittore, sceneggiatore e attore e scenografo francese, 1938-1997]

 







Paul Delvaux [Belgian Surrealist Painter, 1897-1994]





Paul Delvaux - Le Dernier Wagon (1975)







***










Gustav Klimt [Austrian Art Nouveau Painter, 1862-1918]





Gustav Klimt - Reclining Nude Lying on Her Stomach and Facing Right (1910)







Konstanty Laszczka [Polacco, 1865-1956]





Konstanty Laszczka - Królewną Kotkę (Gatto della regina)(ca. 1928)
Scultura





 



Franz Kafka [Scrittore boemo di lingua tedesca, 1883-1924]







 




***












Bruce Pinc





da: Purple Parrot, 1946







dal Flickr di Rewinda Omar













L'esecuzione di Hugh Despenser il Giovane






L'esecuzione di Hugh Despenser il Giovane
come raffigurato nel Froissart di Luigi di Gruuthuse, Bruges, ca. 1470

.

Ugo Despenser il Giovane fu uno dei favoriti di Edoardo II d'Inghilterra, i privilegi di cui vennero investiti lui ed il padre scatenarono un violento conflitto interno. Quando nel settembre 1326 la regina Isabella sbarcò ad Essex con l'esercito fornitole dal conte di Hainaut, l'Inghilterra feudale si sollevò contro Edoardo e il suo favorito, e Ugo, fatto prigioniero, fu giustiziato. Egual sorte toccò a suo padre, Hugh il Vecchio (1262-1326), anch'egli sostenitore di Edoardo II.

Ugo cercò di lasciarsi morire di fame prima del processo, ma dovette affrontarlo il 24 novembre 1326. Accusato di essere un sodomita, traditore e un ladro, ricevette la pena di morte per impiccagione, sventramento e squartamento: fu sventrato e i suoi testicoli recisi vennero bruciati davanti ai suoi occhi; infine, dopo la decapitazione, la sua testa venne montata sui cancelli di Londra.

 






***





 





***