♠
clicca sull'immagine per la dimensione parallela

sabato 27 maggio 2017

Nicolai Abraham Abildgaard [Danish 1743-1809]



Nicolai Abraham Abildgaard -The Nightmare (1800)



.





.





.





Haris Lithos: l'artista che dipinge con il sedere



Haris Lithos è un artista che dipinge grandi tele con sopra delle forme astratte monocromatiche, stondate e simmetriche. In alcuni lavori le forme si ripetono molte volte, in altri rimangono solitarie al centro dell'opera. Non importa quante siano: queste forme, se pur leggermente diverse, sono sempre molto simili. Fin qui non c'è nulla di strano, se non fosse che Haris ha scelto una tecnica di pittura davvero originale: ha deciso di dipingere con i culi!
Le forme tonde, simmetriche e monocromatiche di cui sopra in effetti sono l'impronta di chiappe umane! Haris Lithos utilizza il sedere dei suoi modelli al posto del pennello. Una volta bagnati di vernice, i glutei lasciano sulla tela lo stampo di grandi natiche colorate che unite tra loro danno vita a silhouette astratte dalle molteplici forme.


Nell'arte come nella vita ci vuole culo, nel senso che ci vuole una certa dose di fortuna; fortuna per entrare nei circuiti giusti e fortuna nel piacere alla critica e al pubblico. Haris pensa che ci voglia "culo" (in senso letterale) anche per dipingere una tela.


In un'intervista Haris dichiara che: "l' arte può essere utilizzata in molti modi e per vari scopi", e lui ne ha scelto uno davvero originale. Come in tutte le cose che suscitano interesse e scuotono le menti, dietro si cela sempre un intento sovversivo, e in questo caso lo scopo è risvegliare le coscienze. Nella Grecia moderna, colpita dalla crisi economica, la Chiesa e la TV hanno indotto un modo unilaterale e semplificato di pensare. I greci moderni non hanno nulla a che fare con le glorie del passato e si sono allontanati dall'arte, che allo stato attuale dei fatti non riesce più a dare risposte significative alla realtà. In questa condizione instabile l'atteggiamento migliore è la resistenza. “La resistenza assume molte forme. Le forme meno appariscenti e più silenziosi di solito guadagnano in termini di durata. La resistenza è una lotta lunga e quotidiana. Vi è una esplosione momentanea di alcune ore o giorni che si chiama rivoluzione, io resisto attraverso la mia arte". Haris resiste, lotta e dipinge a “botte di culo”!







da:urbancontest

ore 17:00 - tea time: Bruce McLean



Bruce McLean - Tea on the Knee, 1971

.






good night skeletons & skulls! (Achille Campanile)




"Le donne ci piacciono perché sono meravigliose, 
o ci sembrano meravigliose perché ci piacciono?"

: :  Achille Campanile  : :


. . .



venerdì 26 maggio 2017

.






Maschera di Agamennone




La Maschera di Agamennone è una maschera funebre in lamina d'oro rinvenuta nel 1876 a Micene dall'archeologo tedesco Heinrich Schliemann. 
Attualmente è conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Atene.

La maschera al momento della sua scoperta si trovava sul volto di un corpo trovato nella tomba V. Schliemann credette di aver scoperto i resti del leggendario re acheo Agamennone, da qui il nome. Benché accurati esami sulla maschera abbiano stabilito che si situi fra il 1.550 e il 1.500 a.C., periodo molto anteriore a quello in cui si crede sia vissuto il re, il nome è rimasto.

Malgrado la maggior parte degli studiosi propenda per la sua autenticità, lo studioso statunitense William M. Calder III negli anni settanta ha messo in dubbio l'originalità della maschera (perché molto più raffinata delle altre con le quali è stata trovata): sarebbe un falso commissionato dallo stesso Schliemann, tesi ribadita recentemente da David A. Traill.



da: wikipedia

Ragnar Lindén



Ragnar Lindén - Sybilla (1967)




.






Jan Saudek





Lok Du [concept artist, XiaMen, China]





Fëdor Dostoevskij



Io, quella vecchia maledetta, l'ammazzerei e la svaligerei, e senza nessuno scrupolo di coscienza, te l'assicuro [...]. Se l'ammazzassimo e ci prendessimo e suoi soldi, per dedicarci poi con questi mezzi al servizio di tutta l'umanità e della causa comune, non credi che un solo piccolo delitto sarebbe cancellato da migliaia di opere buone? Per una vita, migliaia di vite salvate dallo sfacelo e dalla depravazione. Una morte sola, e cento vite in cambio: ma questa è aritmetica! E poi, che cosa conta sulla bilancia generale la vita di quella vecchiaccia tisica, stupida e cattiva? Non più della vita di un pidocchio, di uno scarafaggio; anzi, vale meno, perché quella vecchia è dannosa. Distrugge la vita altrui [...].

: :  Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo  : :


. . .




Krista Schoening



Krista Schoening - Momento Mori (2009)




Tomba di Tutankhamon



Howard Carter, protagonista della più grande scoperta archeologica del XX secolo. Archeologo ed egittologo britannico, Carter, il 4 novembre 1922, scoprì la tomba di Tutankhamon
Nella foto esamina per primo il sarcofago aperto del re.



Jacobus de Theramo



 Jacobus de Theramo
Das Buch Belial Consolatio peccatorum, seu Processus Luciferi contra Jesum Christum (1443)
Universitätsbibliothek Salzburg



Alphonse Marie Louis de Prat de Lamartine






Sergio Larrain



Sergio Larrain - Village of Villalba near Palermo, 1959



ore 12:00 - venerdi: pesce!





P4r15





Michael Kirkham






ore 10:00 - coffee break: F.F.





Ladro ingoia catenina d’oro, costretto a mangiare 40 banane




La polizia indiana ha sperimentato con molto successo una tecnica  inusuale per recuperare una catenina d’oro che un ladro aveva rubato ad una donna a Mumbai.
Durante la fuga dagli agenti l’uomo aveva  deciso di ingoiare la refurtiva così da nascondere le prove.
Davanti ai poliziotti il ladro, un ragazzo 25enne, si è professato innocente ma è stato subito sbugiardato dalle analisi ai raggi X effettuate in ospedale.
I medici hanno suggerito di eseguire un’operazione, ma i poliziotti  hanno deciso che sarebbe stato troppo costoso e optato invece per il piano b: costringerlo a mangiare diversi chili di banane fino a farlo defecare.



da: sitorisate

Arthur Hacker



Arthur Hacker - British Vale (Farewell) (1913)
Oil on Canvas - 153 x 122.2 cm




The Rolling Stones - Honky Tonk Woman Live in Hyde Park 1969






Nymsup quahaun!

(lingua Kumeyaay, lingua dei nativi americani Kumeyaay stanziati a sud di San Diego e nella contea di Imperial)




"Con Montalbano in tv, 
in frigo dovrebbe starci sempre qualche cannolo. 
Perché se per caso spuntano nella puntata 
rimani con la voglia di cannoli per tutta la notte."


: :  pelle-scura.tumblr  : :


. . .






Re-Animator (1985, by Stuart Gordon)





good night skeletons & skulls! (Epitteto)




"Solo l’uomo colto è libero."

: :  Epitteto  : :


. . .



giovedì 25 maggio 2017

.





René Magritte



René Magritte - Le Regard Interieur (1942)



.






Helen Levitt



Helen Levitt - Cat next to red car , New York, 1973



Lok Du [concept artist, XiaMen, China]





Gianni Solla




Nel pieno delle mie facoltà mentali, dispongo come segue:
lascio alla scienza il mio naso perché certi scempi non si ripetano,
lascio ai fabbri i miei desideri fatti di materiale indistruttibile per costruire una navicella capace di attraversare lo spazio,
lascio alla medicina legale le mie poesie,
lascio ai deboli le mie gambe che hanno continuato a camminare nel cortile della scuola nonostante gli sgambetti dei bambini più grandi,
lascio agli storici le disfatte sentimentali, familiari e finanziare con la preghiera di archiviarle come un’unica pratica,
lascio agli astronomi le mie promesse in sospeso che a questo punto dovrebbero vagare nello spazio,
lascio alle sconosciute che ho visto una sola volta per strada, i miei pensieri più immorali,
lascio ai produttori di condizionatori di aria e alla società sportiva calcio napoli la mia gratitudine,
lascio ai pornografi le mie potenti, preziose, inutili erezioni,
lascio agli alberghi a ore i miei documenti: che li custodiscano per sempre,
lascio ai cuochi il mio teschio perché lo riempiano di pane e salame,
lascio a quelli morti in mare mentre attraversavano lo stretto di Sicilia la mia vergogna per essere nato sulla riva giusta,
lascio ai miei amici tutti i miei soldi, tanto non tengo né l'uno né l'altro,
lascio ai musicisti la mia cassa toracica e le mie tibie per costruirci una chitarra,
e infine che ai pagliacci vadano i miei innamoramenti, così che abbiano sempre numeri buoni da mettere nel repertorio.

: :  Gianni Solla, Protocollo 909  : :


. . .



Agostino Arrivabene





K.u.k. Kriegsmarine



Marinai a bordo di una nave da guerra austriaca della K.u.k. Kriegsmarine (Kaiserliche und königliche Kriegsmarine, in italiano ufficialmente chiamata "Imperiale e regia Marina", forza navale dell'Impero austro-ungarico) vestiti con tute e maschere antigas durante la prima guerra mondiale.



Latona, Python, Diana, Apollo



Latona, Python, Diana, Apollo (1510)
Bibliothèque nationale de France, Département des manuscrits



Henry Valentine Miller








Geisha girls out for an airing in rickshaws along Old Avenue, Nara, Japan, ca. 1906



ore 12:00 - momento zen





B4rc3l0n4





Hugo Pratt






ore 10:00 - coffee break






La bimba ha la febbre: la mette nel freezer




Infilata in frigorifero perché aveva la febbre, questa la bella idea di un 21enne che, avendo trovato inefficace la classica pezza sulla fronte, ha preferito mettere nel congelatore per quaranta di secondi la figlia della sua fidanzata.
La bimba di appena dieci mesi, se l’è vista  brutta, il giovane  finito sotto processo, ha dichiarato in sua difesa di aver lasciato aperta la porta dell’elettrodomestico dal momento che non era riuscito a fare il bagno alla piccola in un torrente gelato distante da casa temendo potesse affogare.
La vicenda, avvenuta in Canada, si è conclusa per la piccola con delle ustioni dovute al contatto con il ghiaccio. Per fortuna, però, è riuscita a salvarsi e ora è stata affidata alla nonna materna.