♠
clicca sull'immagine per la dimensione parallela

mercoledì 14 giugno 2017

Aragog: il cocktail messicano fatto con il veleno di tarantola



Si chiama Aragog ed è il primo cocktail preparato con il veleno di tarantola. Realizzata in Messico, questa bevanda è una vera prelibatezza e sta andando a ruba in tutto il paese. Nonostante sia realizzato con il veleno del temibile insetto, secondo il suo creatore Romeo Palomares, non è pericoloso, perché ne contiene solamente una goccia.
Il nome del cocktail deriva dal pericoloso ragno apparso nella saga di Harry Potter e allevato da Rubeus Hagrid. Gli effetti provocati da Aragog sono diversi e vanno dalla lingua intorpidita alle palpebre pesanti, passando per il solletico sulle labbra, una sensazione di formicolio in tutto il corpo e l’ipersalivazione. Nel cocktail, oltre al veleno, vengono aggiunti altri ingredienti come il succo di mango, il limone, il mescal, la cachaça e il pisco.
Ma come è nata l’idea di questo cocktail? Il suo creatore è un barista di Città del Messico che ama molto questo mestiere ed ha tanta voglia di sperimentare. Quando il suo capo gli ha chiesto di realizzare nuovi cocktail che avrebbero potuto colpire i clienti, il giovane si è messo immediatamente all’opera.
Per avere l’ispirazione, Romeo ha iniziato a girare per i mercati di Città del Messico. Per qualche giorno non è riuscito a trovare nulla, sino a quando una donna non gli ha proposto di comprare del veleno di tarantola. L’anziana signora gli ha spiegato che, in determinate dosi, il pericoloso veleno non è micidiale come molti pensano e gli ha svelato come utilizzarlo per preparare un cocktail.
Prima di usare il nuovo ingrediente il barista si è consultato anche con un medico e con degli esperti. Alla fine, dopo aver provato diverse combinazioni, è riuscito a realizzare il cocktail perfetto. Il successo di Aragog è stato immediato e ad oggi nel bar ne vengono venduti ben 200 ogni sera. I clienti ne vanno pazzi e, a detta di chi l’ha provato, il drink è davvero delizioso.



da: supereva

Nessun commento:

Posta un commento